Recordmen (parte I) – I giocatori con più presenze ufficiali in nazionale

Hassan, recordman di presenze dell'egitto
Hassan, recordman di presenze dell’egitto

Vi siete mai chiesti chi sono i giocatori che hanno disputato più partite con la maglia della loro nazionale? Ora avete l’occasione di scoprirlo nella prima puntata della nostra nuova rubrica Recordmen. Partiamo dunque con questa Top 5 davvero speciale, andando poi a vedere chi sono i giocatori in attività che potrebbero superare questi eterni titolari!

Astefjevs, ex-capitano della nazionale lettone
Astefjevs, ex-capitano della nazionale lettone

5° Vitalijs Astafjevs (Lettonia), 167 presenze tra il 1992 e il 2010 – Le nazionali dell’Est Europa, dopo il crollo dell’URSS, per anni hanno puntato sul primo nucleo di buoni giocatori che hanno avuto a disposizione. Non a caso l’Estonia ha avuto ben 8 giocatori che hanno superato le 100 presenze in nazionale, mentre la Lettonia 7: uno di questi è proprio Astafjevs, che ha esordito con gli amaranto baltici nel 1992 in una sfida contro una Danimarca fresca campione d’Europa. Oltre ad aver collezionato ben 167 presenze ha segnato 16 reti, realizzando pure una doppietta in un 3-3 contro l’Albania nel 1999. Ovviamente ha disputato da titolare le tre partite di EURO 2004 giocate dalla Lettonia, che si era qualificata al torneo contro ogni pronostico grazie a talenti come lui, Pahars e Verpakovskis. A livello di club ha giocato a più riprese con lo Skonto Riga, di gran lunga la più importante squadra lettone, vincendo ben 8 campionati e 5 coppe e risultando addirittura il bomber della massima serie nel 1995, con 19 reti. All’estero ha militato in Austria (Austria Vienna e Admira Wacker), nelle serie minori inglesi (Bristol Rovers) e già anzianotto pure nel Rubin Kazan, titolare per una stagione. Centrocampista di buona qualità, con la Lettonia ha vinto ben cinque Coppe del Baltico. Ritiratosi alla soglia dei 40 anni (ancora attivo in nazionale), ora è preparatore atletico del “suo” Skonto Riga.

Al-Deayea, sempiterno portiere saudita
Al-Deayea, sempiterno portiere saudita

4° Mohammed Al-Deayea (Arabia Saudita), 172 presenze tra il 1993 e il 2006 – L’eterno portiere dei “figli del deserto” ha disputato tutta la sua carriera in patria, ma più volte sfiorò l’approdo in Europa: si dice che fosse a un passo dal Manchester United, che poi preferì puntare su Fabien Barthez. Peccato perché Al-Deayea aveva classe da vendere, messa in luce difendendo i pali della nazionale saudita in ben quattro mondiali (anche se nel 2006 non da titolare). Il suo esordio nella Coppa del Mondo fu d’impatto, con i biancoverdi che sfiorarono il colpaccio contro l’Olanda, subendo il gol della sconfitta solo nel finale, andando poi a vincere contro il Marocco e il Belgio. I sauditi si arresero agli ottavi contro la Svezia, e non riuscirono più a passare la fase a girone nei mondiali successivi. Anzi: in alcuni casi non furono proprio impeccabili, come nello 0-8 patito contro la Germania nel 2002 che permise a Miroslav Klose di compiere le sue prime tre capriole nella Coppa del Mondo. Portiere agile ma un po’ insicuro nelle uscite, ha giocato 10 anni nell’Al-Ta’ee Ha’il e 11 nel miglior club asiatico di sempre, l’Al-Hilal, dove ha segnato pure tre gol. Si è ritirato nel 2010 con una bacheca di tutto rispetto, avendo vinto le maggiori competizioni asiatiche per club e una Coppa d’Asia nel 1996: grazie alle sue parate l’Arabia Saudita si impose ai rigori (4-2) nella finale contro gli Emirati Arabi Uniti.

Hossam, bomber dei Faraoni
Hossam, bomber dei Faraoni

3° Hassan Hossam (Egitto), 176 presenze tra il 1985 al 2006 – Ventidue anni di nazionale non sono pochi! Hossam inoltre ha segnato tantissimo, ben 69 reti con una nazionale fortissima nel continente ma timida nelle competizioni intercontinentali. Eppure, come vedrete in seguito, all’ombra della Sfinge c’è stato qualcuno che è sceso in campo più volte di lui. Hassan Hossam ha disputato Italia ’90 con in cascina già numerosi trofei conquistati in Africa, nonostante la giovane età. Si trattò però della sua unica apparizione nella Coppa del Mondo, dato che l’Egitto non si è più qualificato, pur vincendo spesso la Coppa d’Africa (che Hossam ha alzato tre volte). Il bomber dei Faraoni dopo quel mondiale tentò due avventure europee, con risultati altalenanti, nel Neuchatel Xamax e nel PAOK Salonicco prima di tornare a dominare il campionato egiziano. Hossam si è ritirato nel 2007 a 41 anni, ancora prolifico nelle file dell’Al-Ittihad Alessandria. In seguito ha iniziato ad allenare, occupando per un periodo anche la carica di commissario tecnico della Nazionale giordana.

Suarez, tre mondiali col Messico
Suarez, tre mondiali col Messico

2° Claudio Suarez (Messico), 177 presenze tra il 1992 e il 2006 – Autentica leggenda della massima serie messicana, Claudio Suarez è stata la colonna della difesa della nazionale bianco-rosso-verde in tre edizioni della Coppa del Mondo (1994, 1998 e 2006). Con il Messico ha vinto una Confederation Cup (1999) e tre CONCACAF Gold Cup. Il suo record di 177 presenze sarebbe potuto essere più alto se tra il 2002 e il 2006 i selezionatori non si fossero “dimenticati” di lui, accantonandolo per far spazio a giocatori più giovani. Ma in occasione dei mondiali tedeschi del 2006, il CT Ricardo La Volpe decise di gettare nella mischia il trentasettenne Suarez. A livello di club, in vent’anni di carriera ha cambiato solo quattro squadre, vincendo due campionati con le casacche di Pumas UNAM (1991) e Chivas (1997). A fine carriera ha giocato tre stagioni nella MLS nelle file del Chivas USA, squadra statunitense con sede a Los Angeles che ha chiuso i battenti nel 2014 e che nella sua storia aveva puntato proprio ad attirare l’attenzione dei tifosi di calcio messicani presenti negli Stati Uniti d’America.

Hassan, l'egiziano inarrivabile!
Hassan, l’egiziano inarrivabile!

1° Ahmed Hassan (Egitto), 184 presenze tra il 1995 e il 2012 – Hassan, centrocampista offensivo dalla buona media gol, attualmente è ancora attivo ma da tre anni si è ritirato dalla nazionale egiziana. Il 2 maggio compirà 40 anni, ma rimane un punto fermo dello Zamalek. Si tratta indubbiamente di uno dei giocatori più importanti della sua patria, che ha condotto al successo in ben 4 edizioni della Coppa d’Africa, di cui le ultime tre consecutive. A 22 si era trasferito nel calcio turco, vestendo nel tempo le maglie di Kocaelispor, Denizlispor, Gençlerbirligi e infine Besiktas: coi bianconeri di Istanbul disputa tre buone stagioni ed attira l’attenzione dell’Anderlecht. In due anni vince due campionati del Belgio, ma ormai ha già una certa età e decide di tornare a giocare in Egitto, dove con l’Al-Ahly conquista la Coppa dei Campioni africana nel 2008. Si è ritirato dalla nazionale con 33 reti all’attivo ed un record di presenze in nazionale difficile da eguagliare, ben 184!

Due bandiere insieme
Due bandiere insieme
Casillas, tre titoli vinti con la Nazionale iberica
Casillas, tre titoli vinti con la Nazionale iberica

Il futuro – Chi sono i giocatori in attività che potrebbero insidiare Ahmed Hassan? Ad avere buone possibilità è il portiere spagnolo Iker Casillas, attualmente a quota 160 gettoni di presenza. Ha 33 anni e ancora qualche anno di tempo per colmare il gap. Il vice-capitano della nazionale giapponese Yasuhito Endo è a quota 146: classe ’80 e titolare del Gamba Osaka, è ancora convocato regolarmente. Missione impossibile per Anders Svensson (148 presenze con la Svezia): alla soglia dei 40 milita ancora nel centrocampo dell’Elfsborg, ma non viene più convocato in nazionale da due anni. Fuori dal giro anche il centrocampista messicano Gerardo Torrado (146 presenze, ultima convocazione nel 2013), mentre Gianluigi Buffon, anche lui a quota 146, potrebbe essere sufficientemente longevo per arrivare a 160-170. Dipende anche dai progressi di Leali e Perin…

Dovessimo guardare un po’ più in là, ci sono tre nomi su tutti: Sergio Ramos della Spagna (29 anni e 124 presenze), il tedesco Lukas Podolski (29 anni e 121 presenze) e Andres Guardado del Messico (28 anni e 111 presenze). Ne riparleremo tra qualche anno!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...