Le Top 5 – Da Ballotta a Matthews, la classifica dei nonni in campo

ballotta
Marco Ballotta, la parola “ritiro” per lui non ha significato

Negli album di figurine, generalmente sono i primi che spiccano. In mezzo a tanti tagli alla moda, loro hanno pettinature di almeno dieci anni prima e lo specchietto con la loro carriera è lungo quanto un conclave. Sono i nonni del calcio, i giocatori che non si ritirano mai ed ancora scendono in campo quando i loro coetanei già hanno indossato da un bel pezzo le camicie da allenatore, strette sopra delle pancette evidentissime. Abbiamo stilato una Top-5 dei nonni del calcio più significativi della storia. Oh, non fateci caso se mancano alcuni tra i più famosi tipo Maldini, Zoff o Zanetti, ma di loro sapete già tutto, ed abbiamo pure escluso coloro che sono tornati in campo solo per un breve periodo (tipo Socrates coi dilettanti inglesi). Per stilare la classifica abbiamo preso in considerazione 1) età, 2) lunghezza carriera ma pure 3) importanza dei tornei disputati fino ad età avanzata.

5° – Marco Ballotta (classe 1964, attivo dal 1981 ad oggi): Nel suo piccolo, Ballotta è un uomo dei record. Detiene il primato di giocatore più vecchio ad essere mai sceso in campo in Serie A (44 anni e 38 giorni) ed in Champions League (43 anni e 253 giorni), in entrambi i casi con la maglia della Lazio, e per dirla tutta da giovane aveva pure battuto il record di minor reti subite da un poriere professionista in Italia in una stagione (9 in 34 partite in C1 col Modena). Ma c’è dell’altro: negli anni ’90 ai tempi del Parma si tolse pure lo sfizio di scalzare Claudio André Taffarel, portiere del Brasile in tre edizioni dei Mondiali. Tutto questo è Ballotta, stempiato fin da giovane ma arzillo anche in età avanzata. Dopo una lunga carriera ricca di trofei ma anche di retrocessioni, Ballotta è ancora attivo nei campionati minori emiliani, dove spesso e volentieri viene schierato da attaccante. Segnando valanghe di gol alla soglia dei cinquant’anni. Un giorno, i nostri figli sogneranno di diventare Ballotta. Il suo segreto: il fisico da colibrì.

4° – Faryd Mondragon (classe 1971, attivo dal 1990 al 2014): Nel corso degli ultimi Mondiali disputati in Brasile, questo portierone colombiano – ma di origine libanese – ha battuto il record di Roger Milla diventando il giocatore più anziano sceso in campo nella Coppa del Mondo, a 43 anni e 3 giorni. Autentico giramondo del pallone con tante esperienze anche nel vecchio continente, Mondragon ha attraversato tutta l’epopea dei suoi bizzarri connazionali: dal compagno di reparto Higuita all’eccentrico Valderrama, passando per i vari Asprilla, Rincon e Falcao. Il suo segreto: i portieri colombiani sono molto longevi.

3° – Romario de Souza Faria (classe 1966, attivo dal 1985 al 2009): Si tratta del giocatore che ha annunciato più volte il ritiro, tornando sempre in campo dopo pochi mesi per guidare l’attacco di qualche squadra brasiliana, qatariota o americana. Romario è il terzo giocatore ad aver segnato più gol in carriera: contando tutto, ma proprio tutto – incluse amichevoli, tornei giovanili e forse anche partite in giardino con i figli – il totale è di 1003 reti. Molte di esse sono state siglate in patria, altre con le casacche del PSV Eindhoven e del Barcellona. Secondo le malelingue sono dati gonfiati, ma al Baixinho non frega assolutamente niente. Irriverente e polemico, nel 1998 venne escluso dalla Nazionale brasiliana perché sorpreso ad appendere una caricatura del commissario tecnico Mario Zagallo, immortalato sul cesso. Per sua fortuna, quattro anni prima aveva alzato la Coppa del Mondo a Pasadena, facendo piangere Baresi. Il suo segreto: si divertiva ad irridere le difese avversarie.

shilton
Peter Shilton, titolare a vita

2° – Peter Shilton (classe 1949, attivo dal 1966 al 1997): 31 anni di carriera sono tanti. Praticamente è passato dagli anni di Best ed Eusebio a quelli di Baggio e Ronaldo, passando per Pelé e Platini. Peter Shilton è stato il portiere dell’Inghilterra per tantissimo tempo, e se non fosse stato per il mitico Banks anche di più. Detiene pure il record di presenze da giocatore professionista (1390!). Forse qualcuno temeva di doverlo seppellire in campo, ma a 47 anni decise di appendere i guanti al chiodo. Ha giocato in undici squadre ma il top della sua carriera è stato sul finire degli anni ’70, quando con la maglia del magico Nottingham Forest di Brian Clough vinse due Coppe dei Campioni di fila. Il suo segreto: probabilmente un patto col diavolo.

matthews
Sir Matthews, in campo fino ai 50

1° – Stanley Matthews (classe 1915, attivo dal 1932 al 1965): L’unico uomo che può guardare Shilton dall’alto in basso. La carriera di Sir Stanley Matthews è durata infatti 32 anni, concludendosi a cinquant’anni suonati. Matthews è stata una stella del calcio europeo degli anni ’50, ma ha giocato solo per due squadre non eccelse del campionato inglese: lo Stoke City ed il Blackpool. Tutto questo per una questione di fedeltà. In 32 anni ha vinto solo una coppa nazionale nel 1953, con la maglia del Blackpool, ma con la Nazionale inglese ha disputato alcune delle gare più epiche del calcio di quegli anni. Inoltre Stanley Matthews è stato il primo vincitore del Pallone d’Oro, quando aveva già superato i quaranta: rispose ironicamente alle critiche presentandosi alla premiazione con una fluente barba bianca ed il bastone da passeggio. Il suo segreto: una dieta ferrea e gli allenamenti senza pallone per arrivare al giorno della partita con più voglia di giocare.

E oggi? Beh, sappiate che Andrea Pierobon è ancora attivo, a 45 anni suonati, e difende con orgoglio i pali del Cittadella. Quella che sta per iniziare è la sua 27^ stagione da giocatore. Che la forza di Shilton sia con lui!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...